cosa serve per fare un trasloco
Hosting wordpress a 1€ Hualma

Come fare un trasloco al meglio?

Il trasloco e la sua pianificazione sono fondamentali per questo passaggio da una casa all’altra. Nello specifico, per fare un trasloco è consigliabile preparare una lista molto dettagliata di tutto l’occorrente e le operazioni fondamentali da effettuare.
Per capire come fare un trasloco è necessario pianificarlo per fasi per evitare di sentirsi sopraffatti, e per ciascuna di queste si possono scrivere degli elenchi con tutto l’occorrente e ciò che si deve fare.
Al fine di valutare le varie fasi bisogna prestare attenzione alle tempistiche necessarie per passare da una fase all’altra: questo è indispensabile soprattutto per un trasloco da organizzare all’ultimo minuto. Se si necessita di professionisti per evitare di commettere errori o accumulare troppo stress è possibile riempire scatole e scatoloni per traslochi a Napoli e affidarsi a dei professionisti.

Quando iniziare la pianificazione

La pianificazione del trasloco può essere organizzata già a partire da pochi mesi prima. Così facendo si evita di essere impreparati e scordarsi elementi importanti, per poi accumulare stress. Tutte le pratiche burocratiche devono essere anticipate, quando possibile, così da pensare esclusivamente all’occorrente.
Innanzitutto si deve procedere con la disdetta della casa, che solitamente viene confermata almeno 3 mesi prima del trasloco e dev’essere in forma scritta. Si devono saldare quindi tutte le bollette ed effettuare il decluttering, ossia l’eliminazione di tutto ciò che non è necessario.
Se si è delle persone che non amano gli sprechi è possibile donare questi oggetti, metterli in vendita o donarli a delle associazioni di beneficenza.
Si procede quindi con l’inventario, dove si scrive tutto ciò che si possiede e che verrà trasportato. Una volta fatto è possibile riempire le scatole e scatoloni, partendo dagli oggetti di cui non si ha necessità nell’immediato.
Se si ha difficoltà nell’organizzare i propri scatoloni, oltre a chiedere aiuto a un professionista, è anche possibile seguire un tutorial su come fare un trasloco.

Occorrente necessario per il trasloco

Al fine di organizzare correttamente un trasloco prima ancora di portare scatole e scatoloni, bisogna prima fare una lista di tutto l’occorrente necessario, ossia:

  • scatoloni e scatole;
  • scotch;
  • carta da giornale;
  • lenzuola vecchie per coprire tutti i mobili;
  • imballaggio pluriball o di altro tipo;
  • carta e penna.

Con la carta e penna è possibile scrivere tutto ciò che verrà posto all’interno delle scatole così da non dover fare un controllo poco prima del trasloco, soprattutto se si sta agendo almeno qualche mese prima del giorno del trasferimento. Il resto del materiale è perfetto per conservare tutti gli oggetti che devono essere trasferiti.
Per traslocare bisogna avere almeno una ventina di scatole per sicurezza, di cui 5 o 6 solo per gli oggetti fragili e le restanti per altre categorie di oggetti.
Se si desidera è infatti possibile suddividere gli scatoloni per categorie, come ad esempio: vestiti, soprammobili, piatti, bicchieri, etc.
Spesso si compie l’errore comune di sottovalutare il quantitativo di oggetti che si hanno e gli scatoloni risultano insufficienti. Nel caso in cui ci si stia preparando da mesi prima non è un grande problema, ma comunque potrebbe essere una perdita di tempo facilmente evitabile.
Se si possiede invece un bilocale, si consigliano almeno 30 scatole, 40 se si hanno anche dei bambini.

Organizzazione durante il trasloco

Una pianificazione e preparazione ottimale sono fondamentali al fine di arrivare pronti per il trasloco e senza aver commesso errori di alcun tipo. Nella data più vicina al trasferimento è bene ricontrollare per sicurezza di non aver scordato nulla e, se ci si rivolge a una ditta, si raccomanda di informarla sulle norme per il parcheggio, le regole del condominio o la viabilità.
Una volta assicuratosi che non manchi nulla dei propri beni si può definitivamente sgomberare l’area da oggetti non necessari e rifiuti. Una volta trasferiti nella nuova casa è possibile riflettere su nuove soluzioni che incrementeranno il comfort ed evitare le tipiche difficoltà iniziali.