nuova moda made in Italy
Hosting wordpress a 1€ Hualma

Made in Italy uguale eccellenza, è questa l’equazione ormai famosa in tutto il mondo che continua a rendere grande il nostro bel Paese a livello internazionale, soprattutto nel campo del fashion.

Un successo che continua ad appassionare e a coinvolgere gli addetti ai lavori e gli amanti della moda grazie soprattutto al lavoro creativo dei numerosi brand italiani, la cui fama

è frutto di una lunga storia, specchio dell’evoluzione della società e della cultura.

Dagli albori degli anni ’50 fino agli ultimi trend odierni, passando per il glamour del cinema e la sensualità delle grandi attrici del passato e del presente, da sempre innamorate dello charme dal made in Italy.

Eleganza e fascino che non si sono persi nel corso degli anni ma che, anzi, hanno saputo consolidarsi fino ad arrivare ai giorni nostri.

Il successo del made in Italy si riflette oggi in brand dalla grande personalità identificativa e con caratteristiche uniche ed imprescindibili, come qualità, unicità, design, stile ed eleganza, tutti elementi condivisi dalle più prestigiose Maison di alta moda italiane.

Un fenomeno, quello del made in Italy, che non si arresta e continua ad ampliare i suoi orizzonti, conquistando sempre di più i mercati internazionali grazie alle sue lavorazioni artigianali, alla passione ed alla grande cura per i dettagli.

Un trionfo che è sempre più evidente anche sulle passerelle di moda più prestigiose, dove sono tantissimi i brand italiani a sfilare e a mostrare ogni giorno le proprie creazioni nei contesti più esclusivi della moda mondiale.

I nuovi marchi del Made in Italy: Nineminutes

Tra i più promettenti brand del Made in Italy in grado di brillare nel panorama internazionale e sulle passerelle di tutto il mondo abbiamo Nineminutes, vero orgoglio italico e marchio di prèt-a-porter 100% sotto la direzione artistica di Nicola Giannone e Pietro Mercaldo.

Nell’ultimo periodo Nineminutes è riuscito ad imporsi come una delle realtà emergenti più talentuose e stilose nel mondo del fashion, proponendo uno stile ibrido, un vero e proprio mix di capi classici e moderni.

Dal giusto equilibrio tra sobrietà ed estro creativo, gli abiti Nineminutes sanno farsi riconoscere per la qualità dei tessuti utilizzati, per l’attenzione e la cura al dettaglio e per

collezioni che si ispirano liberamente al mondo artistico: dalla musica, al cinema, fino ad arrivare alle opere d’arte contemporanea o classica, realizzando creazioni ed outfit originali e mai banali.

I nuovi marchi italiani alla conquista delle passerelle

Oltre a Nineminutes sono numerosissimi i nuovi nomi del fashion italiano, di cui una grossa fetta sono veri e propri talenti emergenti, che stanno cercando di conquistare il loro posto al sole nel complesso e a tratti spiazzante mondo della moda.

Da diverse stagioni, brand di piccola e media grandezza si stanno facendo largo tra gli esponenti più eminenti del lusso internazionale.

Qualche esempio?

Team giovani come quello di Gabriele Colangelo e di Arthur Arbesser, direttore creativo di Iceber dal 2015, entrambi vincitori del prestigioso premio promosso da Vogue ‘Who is On Next?’, stanno passo dopo passo salendo alla ribalta nazionale e internazionale, quasi mettendo nell’ombra le più grandi griffe sul mercato.

Non sono da meno altri nomi come Francesco Scognamiglio, Cristiano Burani, Marco De Vincenzo e Chicca Lualdi, che continuano a impressionare il grande pubblico con le loro doti di creativi e designer, in un mondo che si evolve rapidamente e dove è sempre più consolidato come nuovo modus operandi, quello della ricerca dell’innovazione e dello stravolgimento dei tradizionali canoni estetici.

Anche il made in Italy, dunque, cambia faccia: simbolo di una piccola e grande rivoluzione silenziosa che queste piccole case di moda stanno portando avanti negli ultimi anni con un solo ed unico obiettivo, quello di tentare di svecchiare non solo i codici stilistici ma anche l’intero sistema moda, come fecero a loro volta due icone del passato come Elio Fiorucci e Renzo Rosso.