tipi di caldaie
Hosting wordpress a 1€ Hualma

Tipi di caldaie: Caratteristiche e differenze

La caldaia è un elemento fondamentale per il riscaldamento della casa e dell’acqua, a fronte di questo, ne esistono di varie tipologie e con caratteristiche differenti, per poter scegliere quella più adatta alle nostre esigenze.

I tipi di Caldaie in commercio;

  • Caldaie a Gas
  • Caldaie Elettriche
  • Caldaie a camera aperta e camera stagna
  • Caldaie a pompa di calore
  • Caldaie a condensazione
  • Caldaie a legna, a pellet e a biomassa
  • Caldaie murali

Ognuna di queste caldaie è differente dalle altre, ne esistono di più costose, più economiche o eco sostenibili. Andiamo a vedere nel dettaglio ognuna di loro, in modo che possiamo capire quale sia quella che fa al caso nostro.

Caldaie a Gas

È sicuramente tra le caldaie più diffuse nelle abitazioni, possono essere alimentate a GPL o metano.

  • Caldaie a GPL – Necessitano di molto spazio, come una grande bombola o cisterna, perché hanno una diffusione meno capillare. Solitamente sono impianti presenti in luoghi dove non riesce ad arrivare il gas metano.
  • Caldaie a Metano – Sono le più economiche e le più utilizzate soprattutto per la diffusione del metano che è il gas distribuito a livello nazionale. Gli apparecchi utilizzati per questo tipo di caldaie devono essere forniti di varie entrate; per il gas, per l’entrata di acqua fredda, per l’uscita di acqua calda, per l’uscita della conduttura del riscaldamento, una per la mandata della conduttura del riscaldamento e, infine, per la canna fumaria.

Caldaie Elettriche

Questo tipo di caldaia prevede l’utilizzo di una resistenza elettrica per riscaldare l’acqua, quindi, non è presenta una combustione che rilascia fumi di scarico. È una scelta sicuramente più ecosostenibile rispetto alla tradizionale caldaia a gas, inoltre, se abbinata ad impianti di energia rinnovabile come pannelli fotovoltaici, si riduce di moltissimo il costo del suo utilizzo.

Caldaie a Camera aperta e Camera stagna

Si differenziano per il funzionamento della camera di combustione, ovvero lo spazio presente tra scambiatore e bruciatore, che può essere aperta o stagna.

  • Caldaia a camera stagna – Usa un tiraggio forzato, ovvero un sistema di tubi che da un lato risucchia l’aria da un ambiente esterno alla caldaia e dall’altro espelle i fumi creatisi dopo l’accensione della fiamma. Può essere collocata in ambienti piccoli.
  • Caldaia a camera aperta – Utilizza un tiraggio naturale, ovvero preleva l’aria dall’ambiente in cui è presente la caldaia ed espelle i fumi tramite un condotto verticale. Deve essere collocata in ambienti ampi e ventilati muniti di canne fumarie per far fuoriuscire i fumi.

Caldaie a Pompa di Calore

Questo tipo di caldaie hanno un funzionamento completamente diverso dalle altre caldaie, innanzitutto, con il loro utilizzo si ha un notevole risparmio energetico e quindi economico. L’impiego di questo sistema permette di ricavare l’energia necessaria dall’ambiente esterno e lo rilascia sottoforma di riscaldamento, per effettuare questo processo, la caldaia, possiede uno scambiatore di calore.

Caldaie a Condensazione

Hanno un costo elevato ma sono un’alternativa molto rispettosa dell’ambiente e poco dispendiosa. La caratteristica principale è quella di recuperare tutto il calore possibile, immagazzinando anche l’energia contenuta nei fumi di scarico. All’interno della caldaia avviene un processo per la quale i fumi ritornano allo stato liquido e, una volta superata una soglia di riscaldamento, il vapore condensa e libera il calore.

Caldaie a Legna, Pellet e Biomassa

  • Caldaie a Legna – Si distingue per le basse emissioni di Co2 nell’ambiente ed utilizza la legna come principale combustibile. La tipologia più diffusa è la Caldaia a fiamma inversa, ovvero, in cui la fiamma si sviluppa verso il basso anziché verso l’alto, questo fa in modo che la legna bruci poco alla volta.
  • Caldaie a Pellet – È un tipo di caldaia sicuramente economica ma che però possiede un buon rendimento, infatti, è duratura e riesce a riscaldare bene. Necessita della presenza di una canna fumaria.
  • Caldaie a Biomasse – Per biomasse si intende materiali economici come legna, pellet o cippato.

Caldaie Murali

La principale caratteristica di una caldaia murale è il fatto che viene fissata ad una parete, avendo la possibilità, si può nascondere in una nicchia o all’interno di un elemento di arredo. Il loro principale vantaggio è la grandezza, che è giusta e non ingombra. Possono essere create come preferiamo; a gas, condensazione, con canna fumaria o senza, a camera stagna o aperta.

Affidarsi ad un esperto

Conoscere le varie tipologie di caldaie non basta, per avere un’idea ancora più chiara di quale sia la caldaia giusta da scegliere per la propria abitazione è, di fondamentale importanza, affidarsi ad un esperto del settore, come per esempio ad un servizio di assistenza caldaie a Milano, che possa guidarci nel sopralluogo, nella scelta e successivamente nel montaggio della nostra caldaia.